martedì 25 settembre 2012

Semifreddo light allo yogurt (tutto quello che non sapevi delle fibre)


In tavola (colazione o merenda):

Semifreddo light allo yogurt (tutto quello che non sapevi delle fibre)

La ricetta è per  6-8 persone e il calcolo delle calorie è riferito alla porzione di una sola persona.

Ingredienti:

per il fondo del semifreddo

250 g di Muesli alla frutta (oppure muesli con cioccolato, o biscotti secchi tritati e se preferite utilizzate i digestive)

70 g di burro

per la crema

10 g di colla di pesce

500 ml di yogurt (del  gusto che preferite)

30 g di zucchero (consigliabile quello di canna)

Frutta a piacere (uva,kiwi,pesche) per guarnire

Procedimento:

Riducete con l’aiuto di un frullatore il muesli (o i biscotti ) in polvere e aggiungetevi il burro fuso. Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti.

Spennellare una tortiera con il burro e foderatela con carta da forno fino a ricoprire i bordi e adagiateci all’interno il composto di biscotti e livellate con un cucchiaio.  Si consiglia l’impiego di  uno stampo con cerchio apribile. La tortiera deve restare in frigo per mezz’ora.

Ammorbidite per 10 minuti un foglio di colla di pesce in un bicchiere d’acqua; l’acqua deve appena ricoprire i fogli. Trascorso questo tempo sciogliete la colla di pesce in un pentolino (per circa 2 minuti), senza raggiungere il bollore!

In una ciotola amalgamare lo yogurt (non troppo freddo) con lo zucchero. Aggiungeteci poi la colla di pesce e lavorate il composto dal basso verso l’alto fino ad ottenere una crema vellutata.

Versare il composto allo yogurt sullo strato di biscotti , guarnendo il semifreddo con frutta a pezzi.

Ponete  il semifreddo nel frigo per circa 3-4 ore; quindi avete cura di sformarlo e staccarlo dalla carta forno.

Calcolo delle calorie:

250 g di muesli 825 kcal

70 g di burro light 430 kcal

500 g di yogurt   510 kcal (nella ricetta ho impiegato uno yogurt ai frutti di bosco; fatto di mirtilli neri,ribes neri,fragole e latte intero. In 100 g di yogurt valore energetico 102 kcal, grassi 3,2 g, carboidrati 15,3 g)

30 g di zucchero  120 kcal

100 g di pesche 36 kcal

100 g di kiwi 43,95 kcal

10 g di colla di pesce 35,4 kcal ( in 100 g vi sono 354 kcal)

La colla di pesce è un prodotto altamente proteico, infatti le proteine hanno un elevato potere collante.


L'elevato contenuto proteico e il ridotto contenuto lipidico e glucidico la rendono particolarmente adatta nelle diete ipocaloriche: 0 g di grassi e 0 g di carboidrati.

Totale delle calorie dell’intera torta:  circa 2250 kcal

Totale delle calorie per una porzione di una sola persona: circa 375 kcal

Il Muesli alla frutta che ho impiegato nella ricetta è facile da reperire al supermercato,spesso si trova nello scaffale destinato ai cereali e/o ai biscotti. Il Muesli è una miscela di fragranti fiocchi di avena, frumento,segale, arricchiti con frutta: uva sultanina,datteri,banane,fichi,pere,prugne,mele,nocciole.

Il Muesli è una sferza di energia in una sana colazione o uno spuntino. In 100g di prodotto a base di Muesli vi sono: 8,9 g di fibre alimentari e solo 3,7 g di grassi.

Sapere:

Le fibre sono materiali indigeribili, perché non attaccati dagli enzimi digestivi dell’organismo umano; esse aumentano il volume, la consistenza e il contenuto in acqua delle feci. 
Velocizzano il tempo che occorre al cibo per percorrere il grosso intestino e favoriscono la formazione di feci di normale volume e consistenza.

Tra le fibre vi sono la cellulosa, l’emicellulosa e la lignina, che si trovano nelle bucce, nei semi, nei residui e rivestimenti esterni della verdura, della frutta e dei cereali

Mentre la pectina è nella polpa di certa frutta; essa aiuta a prevenire le malattie delle arterie coronarie e il diabete, aiuta ad abbassare il livello di colesterolo e zucchero nel sangue. 

Anche prevenzione del cancro del colon, delle appendiciti, delle emorroidi, di malattie delle vene degli arti inferiori, e perfino della carie dentaria.

Una “buona quantità” di fibra equivale a circa 30 gr di fibra alimentare al giorno. 

Dall’altra parte troppa fibra ostacola l’assorbimento intestinale di una serie di elementi, quali il ferro, il rame, lo zinco; e significa anche soffrire di flatulenza. 

Per cui l’aumento del consumo di fibra deve essere graduale; bisogna continuare a mantenere la propria dieta normale, aggiungendo quantità gradualmente crescenti di crusca (il rivestimento più esterno del frumento), disperdendola nella minestra, nel latte, nelle bevande, nel brodo o nel sale.

Nei casi di stitichezza provocata da un intestino poco attivo o poco tonico, è buona norma bere un bicchiere d’acqua fredda al mattino, accompagnato da frutta fresca ben matura.

Gli alimenti consigliabili per una dieta ricca di fibra sono zuppe vegetali, passati di verdura cruda, quali sedano, cetrioli, radicchio,ravanelli,scarole,carota,lattuga,pomodori; verdure cotte,quali bieta, cavoli,spinaci, peperoni, zucchine, i carciofi, legumi freschi; frutta fresca quale pesche,albicocche, mele e pere non sbucciate, susine,fichi,datteri,arance,uva,castagne secche,pane integrale.

Alimenti poco consigliabili: cacao,cioccolato, tè,riso, carne (quando se ne fa un consumo eccessivo),caffè.

La stitichezza talvolta è la causa di una continua e prolungata tensione, necessaria ad espellere feci molto dure e compatte. 

Questa pressione all’interno dell’intestino interferisce con la normale circolazione del sangue in senso ascendente nelle vene della parte inferiore del corpo. 
Le vene superficiali delle gambe possono dilatarsi e sporgere all’infuori (vene varicose). Le vene della parte terminale dell’intestino retto possono dilatarsi e sfiancarsi (emorroidi).
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...